Ogni anno in autunno a Rimini e provincia, di piada dei morti, ne girano a centinaia tra amici e parenti ed immancabilmente ne finisce sempre una nella tua credenza realizzata con cura e amore dall’amico o dal parente improvvisatosi cuoco pasticciere, e sempre immancabilmente ci si scola 1 bottiglia di vino (di qualunque genere e marca purché sia liquido) per strozzarne ciascuna fetta.

Ma è veramente così difficile realizzare questo dolce? Solo le pasticcerie possono sfornare questo dolce tradizionale che sia facilmente masticabile senza ubriacarsi necessariamente? La risposta ora è NO. Serve però pazienza e cura nel realizzarla. Preparare la piada dei morti, questo dolce lievitato, è stato fonte di grande soddisfazione per me.

Piada dei morti | Ingredienti

Impasto

250g farina debole 00
250g farina forte Manitoba
120g zucchero semolato
50g olio extravergine di oliva
50g burro
100g uova (N°2 circa)
20g lievito fresco (lievito di birra)
150g latte
50g vino rosso Sangiovese
120g uvetta
30g anice (facoltativo)
50g pinoli
2g sale

Copertura

70g mandorle
70g noci
20g pinoli
1 tuorlo
2 cucchiai di latte

Glassatura

30g di zucchero a velo
2 cucchiai di latte

Ingredienti per la piada dei morti



Come preparare la Piada dei morti

In una ciotola mettere ad ammollare l’uvetta con l’anice e un cucchiaio di acqua tiepida. In alternativa utilizzare solo acqua senza l’anice.

Prendete una piccola ciotola,  metteteci il lievito e 1 cucchiaino di zucchero. Intiepidite parte del latte, prelevatene 2 cucchiaini e versateli nella ciotola con il lievito, sciogliete il tutto e lasciate riposare almeno per 20 minuti.

Tostare 30gr di pinoli in una padella a fuoco dolce. Togliere dal fuoco appena iniziano ad imbrunire.

Mentre tostano i pinoli e il lievito riposa, in una ciotola capiente unire le due farine, il sale e mescolare con una frusta per qualche minuto. Unire lo zucchero e mescolare ancora con la frusta.

Intiepidire tutto il latte rimasto. Su una spianatoia formare la fontana con le farine, unire uova, burro, olio, vino e il latte tiepido. Impastare fino a quando l’impasto non risulterà liscio, poco appiccicoso ed incordato. A mano ci vorrà circa 1 ora di tempo. Lasciare riposare 15 minuti.

Scolare l’uvetta senza strizzarla.

Appiattire l’impasto e versarci sopra l’uvetta e i pinoli tostati. Impastare il tempo necessario per incorporare in maniera omogenea l’uvetta e i pinoli. Mettere l’impasto in una ciotola molto capiente coperta da pellicola a lievitare per almeno 12 ore.
NOTA. Se durante la lievitazione la pellicola gonfia vuol dire che l’impasto non è stato lavorato a sufficienza.

Foderare 2 teglie con carta da forno. Ungersi le mani con l’olio e lavorare leggermente l’impasto, dividere in due parti uguali, pirlare, posizionare sulle teglie e poi lasciare riposare per 30 minuti con pellicola adagiata sopra.

Nel frattempo

Preparare le mandorle, le noci e i pinoli. In una ciotola amalgamare il tuorlo d’uovo con 2 cucchiai di latte.

Stendere l’impasto a un diametro di 20cm circa, farcire con noci mandorle e pinoli, premendo a fondo. Spennellare la superficie con il tuorlo. Lasciare lievitare dalle 2 a max 3 ore.

Preriscaldare il forno a 180°C statico (non ventilato).

Cuocerne 1 alla volta. I primi 15 minuti nel secondo ripiano dal basso, poi girare il padellone e cuocere altri 8 minuti nel ripiano intermedio.
NOTA Regolarsi in base alle caratteristiche del proprio forno, la superficie deve raggiungere un colore bruno ma la frutta secca non deve bruciarsi.

Preparare la glassatura sciogliendo lo zucchero a velo nel latte e spennellare tutta la superficie quando ancora calda.



(Visited 13 times, 1 visits today)

Recensione Piada dei morti | Dolce della tradizione